Vinitaly 2011, chiude l'edizione dei record

Con quasi 156 mila visitatori la 45esima edizione del Salone Internazionale del vino e dei distillati registra un incremento del 10% delle affluenze.

Brindisi di chiusura d'eccezione per l'edizione 2011 di Vinitaly, terminata ieri 11 aprile con un record di presenze, soprattutto estere. Dei 156 mila visitatori infatti, oltre 48 mila sono esteri, registrando il 3% in più rispetto al 2010; +10% l'incremento complessivo dell'afflusso di operatori. In testa ai paesi esteri c'è la Germania, seguita da Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Svizzera, Francia, Austria e paesi dell'Est Europa, in particolare Russia, Cina e la città di Hong Kong a cui Vinitaly ha dedicato uno dei suoi focus internazionali.

Il merito del trend positivo va, oltre all'impronta business della rassegna veneta, all'eccellenza del made in Italy il cui export continua a crescere nonostante la crisi economica globale. "Bollicine d'Italia" del resto è stata la nuova iniziativa della 45esima edizione con informazioni sui metodi di vinificazione, territori di produzione e cantine e con degustazioni curate da sommelier professionisti.

Italiane sono le bollicine premiate con il Premio Internazionale Vinitaly 2011 quest'anno assegnato all'azienda Guido Berlucchi & C. S.p.A., azienda pioniera in Franciacorta, e all'azienda Santa Margherita a cui va il merito di aver reso il Pinot Grigio sinonimo di vino italiano nel mondo. Per l'estero invece il Premio è stato assegnato all'Institute Masters of Wine, la prestigiosa istituzione fondata nel 1955 e attualmente composta da 288 esperti tra produttori, importatori, buyer, rivenditori, consulenti, giornalisti, docenti, sommelier e senior executive. Tra gli altri premi assegnati, il Premio Speciale Packaging alla sarda Pala di Serdiana, il Premio Speciale Immagine Coordinata a Manaresi di Zola Predosa in provincia di Bologna e l'Etichetta dell'anno 2011 al Rosso Conero doc Campofiorito 2008 della Fattoria Lucesole di Ancona, perché anche l'occhio vuole la sua parte.

Da ricordare in questa edizione 2011 di Vinitaly anche il flash mob organizzato da circa cinquanta ragazzi provenienti da tutt'Italia a sostegno del tappo di sughero come unica soluzione naturale per conservare il vino. Terzo produttore al mondo, l'Italia realizza circa 1 miliardo e mezzo di tappi di sughero perché, come recita il claim, il sughero protegge il gusto, lo charme e il pianeta.

Non resta che aspettare la prossima edizione di Vinitaly, in programma dall'1 al 4 aprile 2012, per innamorarsi ancora, a Verona.

Giusy Palumbo

12 Aprile 2011

Commenti

Inserisci il tuo commento