Wider 42, la barca con le ali

È pronto il primo scafo della flotta di Tilly Antonelli: alte prestazioni, energy saving, hi-tech, design. E gli spazi si trasformano, letteralmente.

«Volevo fare una barca fuori dai canoni. Ero stanco del convenzionale». E questa è una barca che «sicuramente si riconosce». Parola di Tilly Antonelli, che un anno fa ha lasciato la presidenza di Pershing, azienda di cui era co-fondatore, per lanciarsi nella nuova avventura che oggi ha portato alla nascita del primo Wider. Un day cruiser da 42 piedi che presenta una novità unica al mondo: quando è fermo, si può aprire, grazie a due "ali" laterali che si allargano e che raddoppiano la superficie del pozzetto.

Il sistema è brevettato, in 12 secondi la superficie calpestabile si amplia, raggiungendo i 18 mq (l'equivalente del pozzetto di un mega yacht) e contemporaneamente, grazie a un sistema di galleggianti, il motoscafo di stabilizza (larghezza di galleggiamento 6,6 metri). Ma non è questa l'unica trasformazione possibile. Il pozzetto, che in assetto di navigazione è completamente sgombero, può cambiare totalmente aspetto quando ci si ferma. Dal pavimento si solleva un tavolo, la panca in fibra di carbonio che sta davanti al ponte di comando si sdoppia e si forma così una dinette per i pranzo.

Dai sedili di pilota e copilota spunta un mobile attrezzato a cucina esterna: lavandino, piano di lavoro con piastra teppan yaki per la cottura senza fiamma, ice box. Su richiesta si possono aggiungere anche fuoco in vetroceramica e frigo a cassetto. Naturalmente, si può aprire in qualsiasi momento il tendalino. Non ci sono sedute fisse, l'imbarcazione è corredata da materassini gonfiabili che possono essere utilizzati a bordo e in acqua. La prua è rialzata, dotata di ampio cuscino prendisole, accessibile con una leggera scaletta in fibra di carbonio (prezioso elemento di design).

Un progetto sviluppato nel più puro stile hi-tech, con un'essenzialità che in ogni dettaglio è in realtà pensata per trasformarsi in lusso e comodità. Nella cabina interna non ci sono armadietti: al loro posto, delle borse in pelle, dal design particolarmente curato, che possono essere trasportate da casa con dentro tutto l'occorrente per la crociera e semplicemente appese alle murate una volta arrivati in barca. La cabina è un gioiellino: angolo cottura, sedute dalla tappezzeria personalizzabile che si trasoformano in letto matrimoniale, impianto tv e hi-fi, bagnetto con doccia separata con box in cristallo. 

Il tutto senza tralasciare nulla in fatto di prestazioni. Lo scafo è stato progettato da Mark Wilson, uno dei massimi esperti di imbarcazioni da corsa, e incarna il più moderno concetto di energy saving: Wider 42 raggiunge i 53 nodi di velocità massima. A 40 nodi consuma 100 litri/h con i due motori Cummins da 480 hp. Ha un'autonomia di 400 miglia a 40 nodi. Hi-tech ed energy saving anche per tutte le tecnologie di bordo (da sottolineare, il volante multifunzione con display multiview integrato, che integra in un unico strumento gran parte dei controlli di bordo).

Una barca ad altissimo tasso di innovazione, dunque, la prima uscita dagli stabilimento di Castelvecchio di Monte Porzio, nelle Marche, dove ha sede l'azienda nata nell'aprile dell'anno scorso. I protagonisti dell'avventura: lo stesso Antonelli, presidente, Paolo Favilla, amministratore, Vincenzo Sulpizi, project manager, Fulvio De Simoni, yacht designer, e il già citato Mark Wilson. Una barca nata da «tanto impegno, passione, sforzo, e amore per questo lavoro» sintetizza Tilly Antonelli. Il primo scafo di una flotta destinata ad arricchirsi. Prossimi progetti: un 35 piedi e un modello più grande, 50 piedi.  Infine, un'avvertenza: non è un motoscafo per tutte le tasche, costa 780mila euro.

Barbara Weisz

19 Aprile 2011

Commenti

  1. Bellissima idea!
    COMANDANTE Vittore Mannazzu Sabato 23 Luglio 2011, ore 12:35

Inserisci il tuo commento

Offerte di lavoro retribuite a partire da € 50.000 annui ed head hunter iscritti ad Experteer.it