Art Basel 2011, l'edizione del miliardo

Grande successo per la 42esima fiere d'arte contemporanea di Basilea, fra le più prestigiose del mondo. Si parla di acquisti per un mld di dollari.

I numeri sono da record: oltre 65mila visitatori da tutto il mondo, i rappresentanti di oltre 50 musei fra cui tutte le istituzioni espositive più rappresentative del pinaeta, più di 300 gallerie da 35 paesi che hanno esposto i lavori di circa 2500 artisti. Se queste sono le cifre ufficiali di Art Basel 2011, quarantaduesima edizione della fiera di arte contemporanea più importante d'Europa e fra le più importanti del mondo, l'aspetto su cui invece regna come da tradizione un velo di mistero è relativo alle altre cifre, quelle delle compravendite. 

Le attese per la fiera di Basilea, dal 15 al 19 giugno, parlavano di transazioni per almeno un miliardo di dollari. E' difficile fare il calcolo di come è andata, anche perche' molti galleristi mantengono riservatezza sugli affari andati in porto, ma quello che si può registrare è un buon grado di soddisfazione fra gli addetti ai lavori.

"Questa continua a essere di gran lunga la miglior fiera internazionale del mondo" dice Lucy Mitchell-Innes, dell'omonima galleria di New York, che quest'anno ha rilevato una più alta qualità e ha portato a termine "vendite a compratori arrivati da ogni parte del mondo". Edizione "eccezionale" anche secondo Iwan Wirth, di Hauser and Wirth (Zurigo, Londra, New York), che ha trovato compratori "intelligenti, vivaci e ispirati" e per il quale forse questa è stata "la migliore Art Basel di sempre".

David Zwirner, dell'omonima galleria newyorkese, rileva con piacere la presenza di nuovi collezionisti asiatici e il successo delle proprie presentazioni nella sezione "Art Unlimited", con le opere di Jason Rhoades e Fred Sandback "accolte con entusiasmo". E ancora, secondo Alex Logsdail, della londinese Lisson Gallery, "la fiera quest'anno è stata un grande successo in termini di volumi di vendita e diversità degli artisti che abbiamo venduto" e in generale i collezionisti e gli amanti dell'arte hanno dimostrato "grande fiducia nel futuro degli artisti, sia quelli già affermatio sia quelli emergenti". Ciléne Andréhn, di Andréhn-Sciptjenko, Stoccolma, sottolinea il successo della personale di Matts Leiderstam fra acquirenti da Europa, Asia e Stati Uniti. Jörg Maass, della Kunsthandel Maass di Berlino, registra una notevole domanda da Europa e Usa per i lavori di Otto Dix, George Grosz, Erich Heckel, Ernst Ludwig Kirchner, Lyonel Feininger.

Fra gli artisti che hanno partecipato a questa 42esima edizione di Art Basel: John Baldessari, Pierre Bismuth, Daniel Buren, Maurizio Cattelan, Janet Cardiff, Jimmie Durham, Liam Gillick, Joan Jonas, Vera Lutter, Goshka Macuga, Sarah Morris, Mai-Thu Perret, Tobias Rehberger, Allen Ruppersberg, Anri Sala, Thomas Schütte, Tino Sehgal, Yinka Shonibare e Cathy Wilkes.

Qualche highlight della sezione "Unlimited": le cascate di parole al neon di Jason Rhodes o un grande arazzo di Goshka Macuga. Ma ci sono anche grandi opere di artisti del passato: due zuppe Campbell's di Andy Warhol sono state vendute per 1,1 milioni di dollari.
Prossimo appuntamento: dal primo al 4 dicembre con Art Basel Miami Beach.

Barbara Weisz

20 Giugno 2011

Commenti

Inserisci il tuo commento